Pro e contro della dieta Dukan

Bentornati su Bellezza sostenibile.

Oggi parleremo di una delle diete più chiacchierate del momento, la dieta Dukan, che come saprete deve il nome al suo ideatore, il nutrizionista francese Pierre Dukan.

Nonostante questa famosa dieta risalga a ben 30 anni fa, è in questi ultimi anni che ha fatto registrare un vero e proprio boom, si stima infatti che siano milioni le persone, tra cui noti personaggi famosi, che in tutto il mondo si sono affidati a questo regime alimentare per perdere i chili  di troppo. Solo in Francia il libro del dietologo ha venduto 4,5 milioni di copie. La dieta prevede in estrema sintesi 4 fasi, in cui si possono assumere solo gli elementi prestabiliti per ciascuna di esse, senza però alcuna limitazione di peso e quantità.

Fase 1: Attacco. Dura dai 2 ai 7 giorni (in base ai chili da perdere) e prevede l’esclusiva assunzione di alimenti proteici tra i 72 ammessi ( uova, pesce, alcune carni, alcuni latticini ecc). Sono esclusi i vegetali, la frutta e i carboidrati.
Fase 2: Crociera. Dura fino al raggiungimento del ”giusto” peso e prevede l’assunzione a giorni di alterni di alcuni vegetali (28)  associati alle proteine. Pertanto ad ogni giorno di proteine pure seguirà un giorno di verdure e proteine combinate. Restano ancora esclusi i carboidrati e la frutta.
Fase 3: Consolidamento. Dura 10 giorni per ogni chilo perso. In questa fase si possono consumare liberamente i 72 elementi proteici e le 28 verdure, ma si introducono anche  alcune tipologie di carboidrati e di frutta a piccole dosi. Sono previsti nell’arco della settimana dei pasti liberi.
Fase 4: Stabilizzazione. In questa fase si può mangiare tutto purchè si assuma regolarmente della crusca d’avena, si faccia attività fisica e si preveda un giorno a settimana totalmente proteico. Questa fase dura per sempre.

Libro Dukan

Come detto la dieta ha avuto milioni  di seguaci ma anche parecchi contestatori che hanno esposto il metodo Dukan a pesanti critiche, fino addirittura a comportare la  radiazione dall’ordine dei medici per  il suo ideatore. Questo perché nonostante abbia rappresentato per molti “followers” la vera soluzione ai problemi di sovrappeso, essa presenta un’importante serie di non trascurabili criticità. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i principali punti a favore e a sfavore del metodo Dukan.

Pro Dukan: E’ una dieta che consente di raggiungere risultati tangibili nell’immediato. La fase d’attacco permette infatti di perdere rapidamente da 1 ai 3 chili in pochissimi giorni, il che galvanizza chi la affronta stimolandolo ad andare avanti;

Contro Dukan: Affinchè questi risultati durino, è però necessario continuare la dieta come da copione, in quanto i primi chili persi sono sostanzialmente rappresentati da liquidi che per definizione sono facilmente recuperabili una volta abbandonata la dieta.

Pro Dukan: E’ una dieta in cui non sono previsti limiti di peso e quantità. Questo agevola la preparazione dei pasti e tollera l’ingordigia purchè ristretta alla severissima lista di alimenti proposti da Dukan;
Contro Dukan: Non avere limitazioni di quantità può comportare in alcune persone l’abuso di alcuni alimenti che seppur tollerati dalla dieta possono non essere analogamente sopportati dall’organismo.

Pro Dukan: E’ una dieta che abitua a darsi delle regole e delle abitudini alimentari che devono durare per tutta la vita (fase 4). Questo punto può essere visto positivamente se si pensa a come sia facile cadere nelle trappole degli insani vizi e stravizi culinari, dal brunch della  domenica agli happy hours settimanali;

Dieta dukan: pesce carne e proteineContro Dukan: La lunghezza o meglio l’eternità della dieta fa si che sia davvero difficile da seguire perché impone piccoli sacrifici ma per un tempo infinito. La stessa fase 2 può durare diverse settimane anche per la perdita di pochi chili e la poca varietà degli alimenti consentiti può facilmente indurre ad arrendersi prima del traguardo.

Pro Dukan: E’ una dieta che riporta alle origini, a come si alimentava l’uomo primitivo, che perfettamente integrato nella natura, mangiava solo in presenza di fame e si cibava del prodotto di caccia, pesca e raccolto;
Contro Dukan: E’ nota la potenziale dannosità di un regime alimentare iperproteico nell’organismo, a partire da aspetti più esteriori ma non meno importanti come l’alito pesante e il cattivo odore della pelle; per arrivare a criticità che riguardano importanti funzionalità di organi quali reni e fegato che vengono sottoposti ad un surplus di lavoro. Inoltre un tale regime alimentare potrebbe causare l’ipercolesterolemia con annesse problematiche all’apparato cardio-circolatorio.

Alla luce di quanto visto viene da chiedersi se il gioco valga veramente la candela. Perché se è vero che la ricerca della silhouette perfetta e della bellezza sia un imperativo categorico ai nostri giorni, e soprattutto che il sovrappeso sia anch’esso fonte di gravi problematiche alla salute, è ancor più vero che si può combattere con differenti regimi alimentari meno drastici ma comunque efficaci e con stili di vita più salutari che siano sostenibili a lungo andare non solo per la bilancia ma soprattutto per l’organismo.

Vieni su www.body-fitness.it articoli, recensioni e curisità sul mondo della palestra e fitness online

Leave a Reply