Le ricette di Bellezza sostenibile: lo yogurt fatto in casa

Bentornati e buona settimana a tutti.

Dedichiamo questo post alla ricetta della domenica ovvero lo yogurt fatto in casa. Ieri ho infatti sperimentato per la prima volta questa ricetta e devo dire che sono rimasta molto soddisfatta e quindi ho pensato di condividerla con voi. Per prima cosa ecco gli ingredienti che ci servono:

  • 1 litro di latte intero o parzialmente scremato (fresco o a lunga conservazione);
  • 1 vasetto di yogurt intero/magro o una bustina di fermenti lattici liofilizzati;
  • eventuali aromi, sciroppi o marmellate per lo yogurt alla frutta.

Preparazione:

yogurtiera

La preparazione di questa ricetta è molto semplice e veloce. Come vedete dagli ingredienti la preparazione può variare leggermente in base proprio agli ingredienti che avete a disposizione o al gusto che volete dare a questa ricetta. Altro fattore da considerare è se disponiate o meno di una yogurtiera, che comunque non risulta indispensabile. Ma procediamo con ordine. Prendete un vasetto di yogurt intero e mescolatelo bene con una forchetta dopodichè versatelo in un recipiente capiente dove andrete a versare un litro di latte intero a lunga conservazione a temperatura ambiente o leggermente riscaldato (temperatura massima 38 gradi). In alternativa potete usare lo yogurt fresco ma va portato a ebollizione e comunque non a una temperatura superiore ai 40 gradi altrimenti i fermenti non resteranno attivi. A questo punto mescolate per bene i due ingredienti e poi versate il composto nei vasetti. Nel caso in cui disponiate della yogurtiera posizionate i vasetti nel primo ripiano senza coprirli con i rispettivi coperchi e posizionateci sopra invece il coperchio della yogurtiera. Attaccate l’elettrodomestico alla corrente e fate partire il timer impostandolo per 8 ore. Nel caso in cui non abbiate con voi la yogurtiera niente paura, prendere i vasetti, chiudeteli col loro coperchio  e metteteli in un luogo asciutto e riscaldato (a 35 gradi circa)  per 8 ore.  In entrambi i casi, trascorse le 8 ore i vasetti andranno chiusi e portati in frigorifero per qualche ora. Lo yogurt così ottenuto potrà essere consumato per i successivi 3-4 giorni.

Una variante a questa preparazione è quella dello yogurt magro, il procedimento evidentemente resterà lo stesso ma verrà utilizzato come base lo yogurt magro insieme al latte parzialmente scremato. In questo caso tenete presente che il composto resterà più liquido.  Un’ulteriore variante prevede in luogo dello yogurt, l’utilizzo di fermenti lattici liofilizzati, ma il procedimento non cambia.

yogurt fatto in casaSe non vi accontentate del classico yogurt non vi resta che sbizzarrirvi con mille varianti, basta aggiungere al composto un po’ di frutta fresca, degli sciroppi aromatici o della marmellata e lo yogurt acquisterà un nuovo sapore, si tratta solo di fare un po’ di pratica. Io mi sono cimentata con lo yogurt al naturale, e in qualche vasetto ho provato a inserirvi delle noci a granella e devo dire che il risultato è stato eccezionale. Non vedo l’ora di cimentarmi con la prossima preparazione e di provare nuovi gusti, anche perchè una volta che inizi è davvero un gioco da ragazzi continuare con altre preparazioni che avranno come base di partenza proprio uno dei vasetti ottenuti con la ricetta (almeno per qualche preparazione successiva).

Spero che questa ricetta vi sia piaciuta e mi raccomando continuate a seguirci, vi regaleremo presto altri consigli di alimentazione e benessere.

A presto

Leave a Reply