Ecodecorazioni e non solo…

Ebbene sì! Mancano esattamente 2 giorni al Natale e, dite la verità, quando si pensa al Natale non vi vengono subito in mente succulenti piatti e tavole imbandite di ogni meraviglia? Senza contare tutte le decorazioni dedicate all’albero di Natale, al presepe e l’oggettistica sparsa per la casa…

A me, ogni anno, piace dare un tocco personale al Natale, un tocco all’insegna della semplicità, dell’economicità e ovviamente dell’ecosostenibilità!

Ad esempio, quest’anno ho realizzato  palline e oggetti da appendere all’albero usando la frutta: ho attaccato ad arance, mandarini, mele rosse e mele verdi un cordoncino di raso rosso molto sottile , che mi è servito per attaccare la frutta ai rami. Poi ovviamente tutt’intorno ho sistemato le lucine, che non possono mancare per conferire colore e magia all’atmosfera. Giusto per farvi un’idea, il risultato è assomiglia, per certi versi, a quello che trovate nell’immagine (www.ecoblog.it).

 

Ma non finisce qui… pensate che bello vedere decorazioni ovunque, ma che brutto se l’odore dominante in casa è quello del sugo bruciato o del fumo del camino del vicino… Ecco, proprio per ovviare a questi problemi, perché non utilizzare un profumatore per ambiente? (E non solo a Natale, bensì durante tutto l’inverno). Profumatore fai-da-te!: quando si ha voglia di mangiare arance e mandaranci, basta pelare la frutta cercando di ottenere pezzi di buccia grandi e, dopo aver gustato il frutto, posizionare le bucce direttamente sul termosifone… Se vi va, affiancate all’arancia anche un pezzettino di limone… Non vi dico che aroma!!!

 

Tra l’altro, questo può essere un buon metodo per profumare anche armadi e cassetti: provate a racchiudere qualche buccia di arancia e limone in un sacchettino di velo da sposa (per intenderci quello che si utilizza per contenere i confetti) appena pelati e sistemare il tutto dove si desidera togliere il cattivo odore: funziona! Beh certo, la durata del profumo non è senz’altro lunga, ma:

 

1 ci vuole un attimo per ripreparare questi “profumatori”;

 

2 mettete il vostro tocco personale e la vostra fantasia;

 

3 agite in ottica eco-bio!

 

Leave a Reply