Quando costa un cuscino per la cervicale

Avere problemi alla cervicale è un male diffuso, d’altra parte molto influiscono le abitudini non sempre sane che si tengono negli atteggiamenti posturali della giornata. E’ pur vero che a volte si rimane coinvolti in incidenti o infortuni che la compromettono e, nel tempo, i dolori permangono o si ripresentano. Si possono, ad ogni modo, adottare delle precauzioni per stare meglio e alleviare i dolori che possono essere insopportabili e far decadere drasticamente la qualità della nostra vita.

I cuscini per la cervicale

Dormire è un toccasana per l’organismo: ritempra, rigenera e dà a tutto il corpo una grande sensazione di benessere fino a quando si riesce a farlo bene e senza problemi. Dormire male, al contrario, diventa assai problematico se invece non si riesce a farlo in maniera continuativa e comoda. Il risveglio dato una sveglia al mattino, allora, suona come una campana suonata accanto alle orecchie. Uno degli ausili che può fare la differenza in fatto di sonno e riposo per chi soffre generalmente di mal di testa e dolori articolari legati alla cervicale è un buon cuscino studiato appositamente per questo tipo di patologie. Ce ne sono molti, di materiali e prezzi diversi, bisogna cercare quli sono i più adatti alla persona e quali possono venire meglio incontro a quelle che sono le esigenze fisiche.

Gli effetti dei cuscini per la cervicale

È possibile visionare il sito di Sanort, ad esempio, per rendersi conto che scegliere un cuscino per la cervicale richiede un minimo di tempo. E’ necessario trovare una giusta posizione del collo, data dalla diversa conformazione del cuscino, che possa assecondare meglio la posizione mentre si dorme. I cuscini cervicali riducono il dolore alla base del collo, che spesso si dipana sulle spalle e consentono a quest’ultimo di dargli un sostegno perchè possa trovarsi nella posizione più adatta. In più possono aiutare le persone che soffrono di apnee notturne a respirare meglio e a evitarle, in modo da riposare un maniera ottimale.

Scelta e prezzi

Ci sono cuscini che vanno dalle poche decine di euro a quelli più costosi. Dipende dal materiale, dalla ditta, dalle forme, da tanti fattori messi assieme. Per esempio si pùò ricorrere a quello più economico in Memory Foam che consente di assumere una posizione corretta, in modo da non avere più contrazioni durante il sonno. Il materiale è composto interamente da una schiuma di poliuretano; il cuscino si sa adattare al peso in maniera uguale, è ergonomico e indeformabile, nonchè antimuffa e traspirante. Ci sono, poi, altri cuscini che, seppur sempre in Memory Foam, sono più ampi nelle loro dimensioni, il che consente di lasciare ampio margine a coloro che si muovono molto durante la notte. Possono essere dei cuscini ad alta densità, bialveolati con fori per avere una corretta traspirazione e, quando considerati presidi medici, deducibili in percentuale dalle tasse.

Si possono scegliere anche i cuscini a saponetta, i macroforati, i cervicali a due o quattro posizioni oppure con incavo o doppia onda; in una stessa fascia di prezzo è possibile trovare ampiamentoe il prodotto che faccia al proprio caso.

Photo by Sanm Rios on Unsplash

Leave a Reply