Mangiare bene senza cibi industriali

La vita moderna, purtroppo, implica una contrazione dei tempi, tutto viene fatto di corsa, siamo sempre di fretta e non abbiamo più nemmeno il tempo per sentire il vero sapore dei cibi. E proprio per questa mancanza di tempo ormai cronica, finiamo per mettere in tavola quasi esclusivamente cibi di origine industriale o di bassa qualità. In più ci si mette anche il peso da 90 della crisi con conseguente diminuzione del budget di spesa ed ecco che ci ritroviamo a fare i conti con una serie di problemi di salute. Ma come possiamo fare per mangiare bene anche se non abbiamo tanto tempo a disposizione?

Motiviamoci per ritrovare il piacere a tavola

Se durante la giornata preparare piatti elaborati o ricercare le migliori materie prime può effettivamente essere complicato, con qualche accortezza e con una mezz’ora libera alla sera possiamo concederci ottimi piatti senza un grande investimento in termini di temo e di denaro, e se poi per preparare una buona cena siamo anche motivati, ancora meglio. Non c’è niente di più stimolante che preparare la cena per il proprio partner o per la persona a cui si vuole bene, e un buon piatto mantiene solido il legame più che la magia rossa!

Cosa preparare quindi? Sicuramente ci si deve basare sulle stagioni che è sempre la scelta migliore, consumiamo sempre frutta e verdura di stagione, prima di tutto spenderemo molto meno e poi avremo sulla tavola alimenti che hanno sapore, non un frutto o una verdura che sembrano acqua. Un consiglio utile è anche quello di apparecchiare la tavola con cura e perché no, magari anche a tema, per esempio in autunno una bella tovaglia bianca, o crudo, con un centro tavola di castagne e ghiande.

Come si eliminano i cibi spazzatura?

Se siete abituati a mangiare cibi spazzatura dovrete impegnarvi a farne a meno. Iniziate dalle merendine, non servono che ad aumentare la circonferenza dei vostri fianchi. Preferite un frutto fresco e di stagione o un piccolo panino integrale con della crema di nocciole fatta in casa. Questa non è difficile da preparare e sicuramente è molto più genuina di quella prodotta industrialmente. Se pranzate fuori casa preparate una schiscetta con dell’insalata o un piccolo sandwich, meglio se integrale con qualche fetta di tacchino arrosto e della verdura.

Attenzione, cercate di eliminare più possibile le farine raffinate e preferite quegli alimenti preparati con farine integrali, chiaramente ci vorrà un po’ di tempo per abituarvi. Lasciate pian piano anche eventuali snack e dolciumi, meglio una volta alla settimana prepararvi una buona torta, anche di quelle semplici, se fosse possibile con prodotti bio e a km zero.

Leave a Reply